Inscriviti alla Newsletter

MORPH PARFUM Antigua eau de parfum intense vapo 100ml Espandi

Antigua

Nuovo

eau de parfum intense vapo

Maggiori dettagli

108 €

tasse incl.

Consegna Stimata : 23/08/2018

Nel suo diario di bordo, l’ammiraglio Oliver Freeman, aveva segnato in rosso quel 16 aprile.

Impazienza e desiderio facevano rotta ad Antigua, insieme a Oliver e alla sua grande nave che batteva bandiera inglese. Anche il padre di Oliver era un marinaio. Una famiglia inglese con la passione per il mare. O con l’odio per la terraferma.

Era in marina da quando aveva 19 anni e oggi, dopo 33 anni di instancabile navigazione, appena giungeva a terra, il tempo di un bicchiere di vino con l’equipaggio, forse due, e non vedeva l’ora di imbarcarsi nuovamente. Tranne quando era lì.

Non sarebbe mai andato via da lì. O almeno così amava raccontare appena ritornava a bordo, dopo quella breve intensa sosta sull’isola. Ma non era certo per il mare cristallino. Né per la sabbia bianca e fine. La sua passione per Antigua aveva un nome di donna, Dulce, e le sembianze di una dea dalla pelle color dell’ambra.

Anche Dulce aspettava Oliver, ogni anno, lo stesso giorno, da 8 anni. Nell’aria dirompeva il profumo di Oliver, prima ancora che lui giungesse tra le sue braccia. L’ammiraglio Freeman aveva addosso la brezza estiva e il rumore dell’onde, il fascino misterioso delle Indie e il calore dei Caraibi. Dulce avrebbe voluto sentire quel profumo ogni giorno dell’anno ma era impossibile, perché la sua mente lo cancellava appena Oliver prendeva il largo.


Un profumo del genere non si può ricordare, si può solo vivere. 

Dulce si preparava da settimane per quell’incontro. Spalmava sulla pelle un unguento scintillante ricavato da un estratto di alghe marine e fiori caraibici. Pettinava i suoi lunghi capelli e li ornava con un fiore rosso. Sceglieva con cura un abito. Sognava di averlo già accanto, di non dovergli dire addio così in fretta. Accadde così anche il 16 Aprile del 1937.

Dulce e Oliver si riconobbero tra la folla. Il profumo del mare che portava con sé Oliver si mescola alla dolce fragranza della pelle di Dulce dando vita a un aroma straordinario in grado di superare ogni confine.

Si cibavano anche loro di quella fragranza, bacio dopo bacio, respiro dopo respiro. Era la complementarità di quegli odori a lasciare tutti senza fiato. Il loro fondersi alla perfezione in qualcosa di unico e irripetibile, proprio come Dulce tra le braccia di Oliver.

L’odore si aggirava per l’isola, apriva ogni porta, entrava nelle case e nei cuori degli abitanti e riusciva a strappare a tutti un sorriso o una lacrima.

Il 16 Aprile 1937 la nave dell’ammiraglio Freeman attraccò a Saint Barth per l’ultima volta. Oliver sapeva bene che l’anno successivo avrebbe percorso una rotta diversa e scelse di non dire nulla a Dulce.

Ma quella notte, mentre le dormiva accanto per l’ultima volta, accarezzò la pelle di Dulce con un tessuto. Il profumo di quell’unguento misterioso di alghe e fiori restò impresso nella stoffa. Poi Oliver passò il tessuto anche sulla sua pelle, così anche l’odore del mare, del sole e del sale fu catturato.

Oliver nascose il lembo di stoffa nel suo diario di bordo e l’indomani partì, lasciando per sempre l’isola di Antigua. E Dulce. Al suo risveglio Dulce trovò accanto al suo letto il pezzo di tessuto profumato. E capì subito che Oliver non sarebbe tornato.

Leggi tutto

Accetto

Questo sito utilizza i cookie per offrirti la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a navigare senza modificare le tue impostazioni dei cookie, ne accetti l’utilizzo da parte di morphparfum.com in accordo alla relativa Politica sui cookie e la privacy policy aggiornata in conformità alle ultime normative (GDPR). Leggi di più a questo indirizzo.