Inscriviti alla Newsletter

MORPH PARFUM Arles eau de parfum intense vapo 100ml Espandi

Morph Arles

Nuovo

eau de parfum intense vapo

Maggiori dettagli

108 €

tasse incl.

Consegna Stimata : 12/12/2018

Fanny aveva il nasino all’insù, due grandi occhi azzurri e lo sguardo di chi non ha paura di sbagliare. Era incostante per natura, capricciosa, sognatrice, volubile. Aveva un’unica passione. I fiori. Ne coltivava di ogni colore e profumo, con amore ogni giorno dell’anno, in un’elegante serra in vetri colorati che aveva disegnato con le sue mani.

La serra era stato il primo dono di Charles, l’uomo che sarebbe diventato suo marito. L’unica passione di Charles era Fanny. La serra invece, non era che un abile tentativo per tenerla vicino a sè. Rientrare stanco dal lavoro e trovarla lì, intenta a prendersi cura di un nuovo bocciolo di rosa irlandese, era per Charles un profondo sollievo. Spesso Fanny si ritrovava con le amiche nel patio a sorseggiare un té, tra una noiosa partita di bridge e una passeggiata a cavallo. Poi le invitava nella serra, mostrava loro le sue creazioni, i bulbi, gli innesti, mille fiori dai colori insoliti e dai profumi misteriosi e si sentiva felice.

Serena. Tranquilla. Rassegnata. Prigioniera.

Cosa ci faceva ancora lì? Una passione, anche la più profonda, non poteva tenerla ferma, non poteva trattenerla in una vita che forse non aveva mai scelto davvero. Trascorse all’interno della serra la sua ultima notte in quella casa. Le prime luci dell’alba iniziarono a battere sui vetri multicolori, formando nell’aria piccoli e improvvisi arcobaleni. I fasci di luce sfiorarono il suo volto, ancora addormentato, stanco ma soddisfatto, proprio sotto una magnolia rara. Quel giorno Charles restò senza parole.

Quando rientrò stanco dal lavoro, infatti, non trovò Fanny intenta a prendersi cura di nuovi boccioli di rosa irlandese. Semplicemente, non trovò Fanny. E non trovò neppure la serra, perchè certo non poteva definirsi tale quell’ammasso di vetri rotti, fiori recisi e terra che si trovò di fronte. Charles si sentiva distrutto, tradito, abbandonato, inutile.

Proprio come la serra di vetri colorati che aveva fatto costruire per lei. Quella notte però Fanny aveva portato a termine la sua creazione più bella. Distillando per ore boccioli, petali e foglie, estraendo sublimi essenze e combinandole fra loro. E poi appuntando su un quadernetto ogni passaggio, fiore dopo fiore, tentativo dopo tentativo, perché qualcosa di così speciale meritava senza dubbio di essere ricreata, prima o poi. Quella notte Fanny creò il profumo della sua libertà.E proprio perché qualcosa di così speciale meritava di essere ricreata prima o poi, Morph, con le preziose indicazioni di Fanny, ha mescolato bulbi, petali e foglie riproducendo quell’essenza fiorita che ha profuma di libertà.

Leggi tutto

Accetto

Questo sito utilizza i cookie per offrirti la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a navigare senza modificare le tue impostazioni dei cookie, ne accetti l’utilizzo da parte di morphparfum.com in accordo alla relativa Politica sui cookie e la privacy policy aggiornata in conformità alle ultime normative (GDPR). Leggi di più a questo indirizzo.